Anche Pax Christi colga l’iniziativa di “Peacelink” nel raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge Cartabia che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi reati. Il rischio della riforma è quello di vanificare l’impegno dei magistrati nella lotta agli eco-reati.

Ho partecipato ad una vacanza-studio dell’Associazione Casacomune del Gruppo Abele sul tema: il glossario della conversione ecologica; ci hanno parlato anche di una petizione urgente (promossa da varie associazioni) per inserire il disastro ambientale in una legge, che sta per essere approvata, tra i reati che richiedono un regime speciale e quindi proroghe che permettano il concludersi dei processi. Tra i firmatari ho visto che c’è anche Elio Pagani….io ho già firmato individualmente, ma se lo riteniamo, potremmo anche firmare come punto pace di Ivrea e mettere la notizia sul sito.

P.S. don Ciotti, che ha fatto un intervento alla conclusione della vacanza, ha parlato del commercio e produzione di armi….alla Pax Christi…..per dire che tutto è collegato….!

Ciao,

Mariella Carra


per sottoscrivere alla raccolta firme, aprire questo collegamento di rete di “Peacelink” e procedere dove indicato


Per darvi un’idea, ecco un estratto di come il procuratore Gratteri definisce in TV il testo della ministra Cartabia:

“La peggiore riforma della giustizia che abbia mai visto”

E c’è il rischio di applicare il principio di retroattività della legge penale più favorevole:

“Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono più favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile”.

vedi l’intero intervento di Gratteri attraverso questo collegamento di rete di PeaceLink dello scorso 2 Agosto 2021


altri collegamenti di rete inerenti ecoreati e legge Cartabia:

P&S Legal

Dirittiglobali

Antimafiaduemila

Il Manifesto

Peacelink

1 Comment

  1. Fausto Giorda Rispondi

    Non a caso il M5S era l’unico ad opporsi al varo del testo della nuova legge così com’era…

Lascia un Commento