Arcivescovi e vescovi esprimono "molto rammarico" nella lettera per il rifiuto di aderire accordo di pace internazionale.

L’alto clero della Chiesa d’Inghilterra chiede al governo del Regno Unito di schierarsi con altre 50 nazioni nella firma di uno storico trattato internazionale che vieta le armi nucleari.

Justin Welby, l’arcivescovo di Canterbury, e Stephen Cottrell, l’arcivescovo di York, hanno affiancato i loro nomi a quelli di 29 vescovi in una lettera pubblicata sull’Observer e riprodotta di seguito affermando che il sostegno del Regno Unito al Trattato delle Nazioni Unite sul divieto delle armi nucleari darebbe speranza a chi cerca un futuro pacifico.

Il trattato entrerà in vigore il 22 gennaio 2021, dopo aver raggiunto la soglia dei 50 firmatari richiesta dopo che l’Honduras lo ha ratificato tre settimane fa. Nessuna delle potenze nucleari del mondo, tuttavia, ha sottoscritto e gli Stati Uniti hanno definito il sostegno alla mossa un “errore strategico”.

Ma António Guterres, segretario generale dell’Onu, ha detto che la ratifica del trattato è “il culmine di un movimento mondiale per attirare l’attenzione sulle catastrofiche conseguenze umanitarie di qualsiasi uso di armi nucleari”. Peter Maurer, presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, ha detto che è stata “una vittoria per l’umanità e una promessa di un futuro più sicuro”.

Gli attivisti sperano che il trattato avrà un graduale effetto deterrente sulla proliferazione degli armamenti nucleari. I precedenti trattati internazionali sulle mine terrestri e le munizioni a grappolo hanno portato a un cambiamento nel comportamento anche nei paesi che non hanno aderito.

La lettera dei vescovi plaude alla ratifica del trattato, dicendo: “Per così tante nazioni del mondo parlare chiaramente della necessità di vietare queste armi di distruzione di massa è un segno incoraggiante e di speranza.

“Siamo molto dispiaciuti che il Regno Unito, insieme ad altri stati nucleari, non abbia ancora firmato l’accordo. Chiediamo al governo del Regno Unito di farlo, e quindi di dare speranza a tutte le persone di buona volontà che cercano un futuro pacifico “.

Stephen Cottrell, che è stato nominato arcivescovo di York il mese scorso, ha detto all’Observer che “non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno che la Chiesa sia preoccupata per la pace e la riconciliazione.

“Anche se riconosciamo che ci sono diversi punti di vista legittimi su come facciamo e manteniamo la pace, la Chiesa ha costantemente considerato qualsiasi uso o possesso di armi nucleari al di fuori di quello che potrebbe essere considerato un uso giusto delle armi”.

Il trattato non comporterebbe la scomparsa delle armi nucleari dall’oggi al domani, “ma è un altro passo nel viaggio verso il diventare un mondo libero dal nucleare”, ha aggiunto. Il Regno Unito aveva preso una posizione per mettere al bando le bombe a grappolo e le mine terrestri.

“Se pensiamo che sia immorale possedere o usare una bomba a grappolo, quanto più un’arma nucleare? I trattati internazionali realizzano i loro obiettivi, ma di solito è una lunga strada, e questo è un passo significativo lungo la strada.”

Cottrell, ha una lunga esperienza nel parlare della questione delle armi nucleari. Nel 2016, ha detto a una manifestazione a Londra che il rinnovo del Trident (https://www.theguardian.com/uk/trident) era “un affronto a Dio”, e nel 2018, ha detto al C dell’organo dirigente, il sinodo generale, che non c’erano “circostanze” in cui l’uso di Trident poteva essere giustificato.

“Questo viene dal mio sentire profondo. Per me è una questione etica, ma ci sono tutti i tipi di ottime ragioni – finanziarie, militari, legali – per cui abbiamo bisogno di un serio dibattito sul possesso di armi nucleari “, ha detto.


La lettera:

La Gran Bretagna deve firmare il trattato.

In qualità di vescovi della Chiesa d’Inghilterra, accogliamo calorosamente e plaudiamo alla recente ratifica, da parte del numero richiesto di Stati membri, del trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari e ci rallegriamo che il trattato entrerà in vigore quindi il 22 Gennaio 2021.

Per così tante nazioni del mondo parlare chiaramente della necessità di vietare queste armi di distruzione di massa è un segno incoraggiante e pieno di speranza.

Ci impegniamo a pregare e ad adoperarci affinché questa ratifica aiuti davvero a vedere la fine delle armi nucleari in futuro.

Siamo molto dispiaciuti che il Regno Unito, insieme ad altri Stati nucleari, non abbia ancora firmato l’accordo.

Chiediamo al governo del Regno Unito di farlo e quindi di dare speranza a tutte le persone di buona volontà che cercano un futuro pacifico.

Facciamo eco al segretario generale dell’Onu che “elogia gli Stati che hanno ratificato il trattato e saluta il lavoro della società civile, che è stata determinante per facilitare la negoziazione e la ratifica del trattato”.

Di conseguenza, rinnoviamo il nostro sostegno al lavoro della Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, insieme alle organizzazioni e alle agenzie sorelle in ogni nazione, la cui difesa e impegno continuano a fare una tale differenza.

Justin Welby,                    arcivescovo di Canterbury;
Stephen Cottrell,                arcivescovo di York;
Paul Bayes,                      vescovo di Liverpool;
Christopher Cocksworth,          vescovo di Coventry;
Richard Atkinson,                vescovo di Bedford;
Jo Bailey Wells,                 vescovo di Dorking;
Pete Broadbent,                  vescovo di Willesden;
Sarah Bullock,                   vescovo di Shrewsbury;
Jonathan Clark,                  vescovo di Croydon;
David Court,                     vescovo di Grimsby;
Guli Francis-Dehqani,            vescovo di Loughborough;
Jonathan Goodall,                vescovo di Ebbsfleet;
Martin Gorick,                   vescovo di Dudley;
Olivia Graham,                   vescovo di Reading;
Clive Gregory,                   vescovo di Wolverhampton;
Joanne Grenfell,                 vescovo di Stepney;
David Hamid,                     vescovo suffraganeo in Europa;
Peter Hill,                      vescovo di Barking;
Anne Hollinghurst,               vescovo di Aston;
John Inge,                       vescovo di Worcester;
Roger Morris,                    vescovo di Colchester;
Philip North,                    vescovo di Burnley;
John Perumbalath,                vescovo di Bradwell;
Lee Rayfield,                    vescovo di Swindon;
Tony Robinson,                   vescovo di Wakefield;
Alan Smith,                      vescovo di St Albans;
John Thomson,                    vescovo di Selby;
Graham Tomlin,                   vescovo di Kensington;
Rachel Treweek,                  vescovo di Gloucester;
David Walker,                    vescovo di Manchester;
Pete Wilcox,                     vescovo di Sheffield.
Traduzione in italiano dall'articolo in originale su The Guardian: https://www.theguardian.com/world/2020/nov/15/church-leaders-urge-uk-government-to-sign-un-anti-nuclear-treaty

… E, PER TUTTA RISPOSTA, BORIS JOHNSON AUMENTA LE SPESE MILITARI INGLESI FINO A 18,5 MILIARDI DI EURO!

di Leonardo Clausi, “IL MANIFESTO” del 19.11.2020

https://ilmanifesto.it/johnson-gioca-in-difesa-spese-militari-record/

«Ho deciso che i tempi di tagliare la nostra spesa per la difesa dovevano finire, e finiscono adesso».

Nell’immobilità glaciale del saloon, Boris Johnson rimette lentamente la pistola nella fondina. L’annuncio dell’aumento del budget per la difesa di sedici miliardi e mezzo di sterline annue (circa 18.5 miliardi di euro) lungo un programma quadriennale, il premier l’ha dato Mercoledì scorso. Così Johnson ha finalmente lanciato la sua agenda militare blu di Prussia, che «creerà 40mila posti di lavoro». Peccato solo che fosse attraverso il collegamento video che lo separava dall’aula semideserta – fatto senza precedenti per il settimanale appuntamento di Prime Minister’s Questions: uno scenario dimesso per un sì vibrante annuncio.

Lascia un Commento